Saldi online

Buona settimana a tutti!
Si ritorna alla quotidianità dopo le feste, probabilmente non proprio volentieri, ma a consolarci ci sono saldi!
Quest’oggi vi segnaliamo quelli online, per non farvi fare alcuno sforzo e anche nella speranza di aiutarvi a trovare quell’accessorio che avete puntato da tempo ma ancora non avete acquistato.

Noi abbiamo visitato il sito Made in design che offre un’offerta davvero ricca di brand e prodotti. I prodotti Kartell, ad esempio, li trovate scontati al 15%.

Banner 200x200 seconda ondatra saldi inverno

Per chi cerca affari per i più piccoli, arredo compreso, vi suggerisco Smallable. I saldi arrivano fino al 50% e la loro selezione di decorazione e mobili è ricca e molto piacevole.

250x250-IT

Volete rinnovare la vostra biancheria per la casa? Caleffi ha in essere una interessante campagna di sconti.

Amate il design nordico?
Ecco due siti da visitare con saldi e tante idee!
Design Republic
FinnishDesignShop

Infine, non dimenticate di curiosare anche su Amazon! Anche qua infatti si possono trovare oggetti di design a prezzi scontati!

Buona ricerca, fatemi sapere!

Regali di Natale firmati DesignxAll

Con l’occasione del Natale abbiamo selezionato una serie di oggetti molto interessanti dal nostro ShopxAll.

Partiamo dai tavoli, che durante le feste sono particolarmente importanti, meglio se allungabili!
Potete scegliere tra una vasta gamma di prezzi ed aziende. Cosa ne pensate di questi? Per tutte le informazioni potete visionare la sezione tavoli.

Anche per quanto riguarda i divani, vi mostriamo alcuni dei modelli più ampi e accoglienti…

Qui abbiamo selezionato alcune icone del design, per veri appassionati!

Se invece desiderate solo qualche complemento per rinnovare gli ambienti, a un prezzo davvero interessante vi suggeriamo di curiosare nella nostra sezione dedicata ai tappeti! Bastano meno di 200 euro per portarsi a casa un modello nuovo!

Per gli amanti del green e degli oggetti realizzati con materiali riciclati, proponiamo alcuni oggetti dell’azienda Staygreen e delle poltrone Essent’al.

Avete trovato quello che fa per voi? Se sì, contattateci!
In caso contrario vi suggeriamo di curiosare tra le varie categorie di prodotti del nostro ShopxAll.

Focus on: AG Fronzoni e il suo tavolo Fronzoni 64

Si è da poco conclusa alla Triennale di Milano la mostra Unico e Ripetibile, che esponeva alcuni tra gli storici manifesti di AG Fronzoni (Angiolo Giuseppe Fronzoni). Partendo dalla visione di questa mostra, oggi vi vogliamo presentare meglio la complessa figura di questo grafico, designer, architetto ed educatore, nato a Pistoia nel 1923.
Alcuni dei suoi manifesti, realizzati dagli anni ’60 agli anni ’90, raccontano i recenti movimenti dell’arte e del gusto e invitano lo spettatore a interrogarsi sul significato di unicità e sul concetto di collezione. Le grafiche ne rispecchiamo la filosofia, secondo cui il superfluo, l’eccedente, il ridondante è uno spreco in senso estetico, morale ed etico.
Queste le sue parole:

Dobbiamo puntare alle cose essenziali, eliminare ogni effetto ridondante, ogni inutile fioritura, per elaborare un concetto su basi matematiche, sulle idee fondamentali, sulle strutture elementari; abbiamo fortemente bisogno di evitare sprechi ed eccessi.

Per conoscerlo meglio recentemente è stata pubblicata la seconda edizione del libro “A lezione con A G Fronzoni. Dalla didattica della progettazione alla didattica di uno stile di vita” di Ester Manitto.
Il libro, con una rinnovata veste grafica, oltre ai contributi di Enrico D. Bona e di Marina Cinieri e del dialogo fra Gabriele Oropallo e l’autrice, si è arricchito degli interventi di Elena Lia Fronzoni sull’opera del padre e di Claudio Silvestrin sul ruolo maieutico del maestro.
L’opera racconta l’esperienza di A G Fronzoni, progettatore (come amava definirsi), filosofo, insegnante e fondatore della scuola-bottega, che egli creò a Milano nel 1984 e che cessò di esistere circa un anno prima della sua scomparsa, nel 2002.
Quella della scuola-bottega di A G Fronzoni fu un’avventura umana e didattica irripetibile. Lo testimoniano gli allievi cresciuti nel rispetto del maestro e nel ricordo dei suoi insegnamenti, ma soprattutto lo dimostrano le opere di quanti crebbero alla scuola-bottega e che da A G Fronzoni seppero trarre spunti tecnici, morali, didattici. Una scuola senza voti, senza interrogazioni, con solo due docenti e con tre materie; progettazione bi e tridimensionale, cultura del XX secolo e disegno geometrico.
Ci auguriamo con questa breve presentazione di avere acceso la vostra curiosità su questa personalità di cui ci fa piacere presentarvi uno dei suoi prodotti, presenti nel nostro shop: il tavolo Fronzoni 64 disegnato per Cappellini.

Si tratta di un oggetto che illustra perfettamente, nella sua essenzialità, la filosofia del maestro e che vi invitiamo a scoprire nel dettaglio nel nostro ShopxAll.

“A Castiglioni”, la mostra alla Triennale di Milano fino al 20 gennaio 2019

Nel centenario della nascita di Achille Castiglioni (1918-2002), la Triennale di Milano dedica al maestro del design una vasta mostra monografica allestita e curata da Patricia Urquiola, sua allieva al Politecnico di Milano, con la collaborazione di Federica Sala.

A Castiglioni non è una mostra cronologica, né un allestimento univoco e temporalmente lineare, ma un percorso nel quale la ricca mole di materiali – mobili, lampade, utensili, progetti di allestimento e di architettura, fotografie e prototipi – è organizzata in gruppi, o cluster, che costituiscono i punti di incrocio di una rete concettuale, generando così traiettorie e rimandi che ogni visitatore può scoprire liberamente.
Punto centrale del suo lavoro è l’ironia, il divertimento, il non prendersi troppo sul serio, anche quando si prendono molto sul serio le cose che si fanno, perché, come diceva il maestro «l’importante è sapersi prendere in giro come faceva Jacques Tati e anche non metterla giù troppo dura con questo design, prendere la società com’è».

Ed è per questo che realizza un cappello con uno stampo da budini, disegna lampade come animali da compagnia, costruisce un portavasi come un dinoccolato personaggio. Immaginazione, sentimento, commedia. Tutto questo è contenuto nella su arte gaia e garbata, come si legge alla mostra. Castiglioni progetta giocando. L’ironia è l’atteggiamento che gli consente un approccio alla realtà libero nell’esercizio del dubbio, per trovare ogni volta l’entusiasmo della creazione.

L’eredità del suo approccio progettuale, sempre connotato dalla curiosità e dal divertimento che ha portato a una attività multiforme nel design di prodotto, negli allestimenti, nell’insegnamento – prima al Politecnico di Torino e poi al Politecnico di Milano – è custodita dalla Fondazione Achille Castiglioni, ospitata nel suo storico studio di piazza Castello. Qui l’obiettivo è quello di catalogare, archiviare, digitalizzare progetti, disegni, foto, modelli, video, frutto di oltre 60 anni di attività, svolta prima con i fratelli Livio e Pier Giacomo, poi dal 1968, da solo.
Achille Castiglioni ha progettato più di 400 allestimenti temporanei per mostre e fiere e ha lavorato con innumerevoli aziende di settore, tra cui Alessi, Brionvega, B&B Italia, BBB Bonacina, Cimbali, Danese, Driade, De Padova, Flos – alla quale come designer è storicamente legato sin dalla nascita dell’azienda – Cassina, Moroso, Knoll International, Kartell, Zanotta.

Vedendo la mostra si capisce come al centro dei suo metodo progettuale ci sia sempre la relazione fra l’oggetto e le persone che lo useranno.
Nei progetti di interni domestici gli oggetti sono scelti e collocati nello spazio in relazione ai movimenti delle persone, a prescindere dallo stile, ma con grande eleganza), con un approccio informale molto attuale.

Specialmente nei progetti di lampade, ma non solo, è chiarissima la volontà di arrivare a soluzioni che rispondono a utilizzi ben precisi: come deve essere fatta una lampada per leggere un libro stando seduti in poltrona? E una per illuminare il piano di tavolo, se quel tavolo un giorno verrà spostato?

“Ancora più del famoso “componente principale di progettazione” – concetto ripetuto come un mantra a noi studenti durante i suoi corsi al Politecnico di Milano” – dichiara Patricia Urquiola, “ancora più dei singoli prodotti, ciò che colpisce, ed è ancora attuale di Castiglioni, è proprio la capacità di trovare soluzioni solo apparentemente “semplici”, che dichiarano tutta l’ attenzione per il rapporto fra gli esseri umani e le cose della quotidianità. Un’ attitudine che non ha perso un grammo del suo valore, e che nell’era del design ridotto ad immagine iconica, condivisa a milioni fra gli utenti di Instagram, apre infinite possibilità di discussione”.
Fino al 20 gennaio, vale la pena di andarla a visitare per stupirsi e divertirsi e dove possibile interagire con gli allestimenti, come avrebbe voluto Castiglioni.

Il design sostenibile di Staygreen su DesignxAll

Dall’incontro tra creatività e contemporaneità nasce un nuovo concetto di design sostenibile. Frutto della collaborazione tra Staygreen e robertopamio+partners, la collezione Le Anime di carta testimonia che oggi è ancora possibile ripensare e innovare un oggetto. I prodotti della collezione, grazie ad una ricerca rigorosa nel rispetto della natura, sono stati realizzati con materiali alternativi ed ecosostenibili, come i fogli di cartone a doppia onda e le colle naturali ricavate dall’amido dei piselli. Le loro forme uniche e pulite, comunicano l’essenza della materia e suggeriscono un nuovo modo di vivere il design, più consapevole ed attento al futuro.
Da oggi, una ricca selezione dei prodotti di questa azienda è presente nel nostro ShopxAll.

Cosa ne pensate?
Contattateci per saperne di più!