Vai al contenuto
Home » Magazine DxA » Fuorisalone 2024: il tema sarà “Materia Natura”

Fuorisalone 2024: il tema sarà “Materia Natura”

dopo avervi anticipato alcune informazioni sull’imminente edizione del Salone del mobile.Milano, oggi ci concentriamo su quanto avverrà in città e sul tema conduttore dei numerosi eventi: l’esplorazione e l’integrazione della natura e dei materiali naturali nel design contemporaneo.

Dal 15 al 21 aprile è in programma a Milano un fitto calendario di eventi, mostre e installazioni “fuorisalone riunite attorno al tema “Materia Natura”, per analizzare il presente e proporre pratiche virtuose per il futuro, attraverso installazioni nei vari distretti della città, anche in luoghi che recuperano architetture dismesse da scoprire.
Il tema riflette l’interesse crescente verso la sostenibilità ambientale e la ricerca di connessioni con il mondo naturale che, noi di DesignxAll, portiamo avanti da diversi anni, attraverso il passaggio di mano in mano di oggetti di design di seconda mano o da esposizione che altrimenti non avrebbero futuro.

La Milano Design Week da sempre si sviluppa attraverso la città, andando a includere nuove zone e inedite location.
Per il 2024 tornano a organizzarsi i distretti Milano Durini Design, 5Vie, Isola, Brera e la Zona Tortona, si aggiungono Porta Venezia e per la prima volta il progetto che coinvolgerà la comunità residente e creativa di Zona Sarpi. Lo scorso anno con Alcova si è data vita alla zona dell’Ex Macello che quest’anno sarà il centro di un festival musicale. E, proprio per iniziativa di Alcova, Milano quest’anno prova ad estendersi fino alla Brianza, a Villa Borsani e Villa Bagatti Valsecchi, sedi deputate per questa settima edizione del progetto.

Al di fuori dei circuiti già annunciati quest’anno si attivano anche gli edifici ex-industriali di Linate dove sbarcano i Baranzate Ateliers, la Darsena cittadina e un rinnovato 10CorsoComo

Data la vastità degli eventi la cosa migliore sarà munirsi delle dettagliate guide che circoleranno in città e selezionare gli eventi di maggiore interesse, di seguito noi ricapitaliamo alcune delle zone da vedere durante il Fuorisalone e terremo aggiornato il post se ce ne fosse la necessità.

Brera Design District
Brera Design District giunge alla 15a edizione portando a calendario oltre 260 eventi.
Oltre ai 196 showroom permanenti, sono sempre di più le realtà internazionali che hanno scelto il distretto come palcoscenico, affiancando ai più rinomati brand di arredo realtà importanti nell’ambito dell’automotive, tecnologia e moda.
 
Zona Tortona
La Zona di Tortona torna con una veste inedita e una proposta di comunicazione mirata a riunire e raccontare le diverse realtà che lo animano: Tortona RocksTortona Design WeekSuperstudio e BASE.
Quest’anno le strade dell’iconico quartiere si trasformano in una “Walk of Design” tra esposizioni, installazioni e workshop, con la partecipazione di designer di fama internazionale. Da via Tortona a via Novi, da via Savona agli spazi dell’Antica Fabbrica 14, i luoghi plasmati dalle storie di una Milano post-industriale diventano teatro di esperienze uniche e coinvolgenti.

Base Milano torna con WE WILL DESIGN, la piattaforma-laboratorio sperimentale che dal 2021 accoglie e promuove, in occasione della Design Week, progetti di designer da tutto il mondo. Attraverso incontri, residenze, talk e mostre, la quarta edizione della rassegna è dedicata alla convivialità intesa come bisogno collettivo basato sulla cooperazione solidale e la cura reciproca. L’appuntamento è anticipato da un public program incentrato sul tema della coesistenza e dall’installazione TALAMO, a cura del duo di architetti Lemonot.

Superstudio con il Superdesign Show guarda oltre con il suo concept “THINKING DIFFERENT – everything, everywhere, everyone”. L’evento annuale di Superstudio per la Milano Design Week apre le sue porte a chi non ha paura di osare, di pensare fuori dagli schemi. L’idea di partenza è audace: qualsiasi prodotto può essere reinventato in maniera differente. Creare nuove soluzioni in cui l’estetica e l’eleganza sposano l’originalità, integrando la tecnologia e abbracciando temi estremamente attuali come la sostenibilità e l’inclusività è l’obiettivo.
 
5VIE
5VIE con la nuova edizione “Unlimited Design Orchestra” ripropone e amplifica il tema della scorsa edizione, ovvero quello del design inteso come strumento per creare e coltivare profonde vibrazioni umane, nell’ottica di una sostenibilità radicata nella collaborazione e nella condivisione come accade per gli elementi di un’orchestra. L’Orchestra riassume il concetto di benessere armonico, consonanza di visioni, luoghi ed oggetti graditi agli occhi ed al cuore, che travalica le differenze e le distanze tra gli esseri umani ritornando a porre al centro della questione il rispetto e l’amore reciproco, portando designer provenienti da ogni angolo del mondo.

Milano Durini Design presenta un tema legato alla parola COLORE.
Il colore sarà il tema unificatore del distretto e si declinerà attraverso un percorso di urbanistica tattica e di elementi diffusi e colorati così da creare un fil rouge visivo che porti valore ed identità all’interno del distretto MDD.

Isola Design District
Isola Design District presenta un viaggio attraverso la sostenibilità e la funzionalità del design, mostrando il suo potenziale nell’affrontare questioni reali anticipando il futuro del settore. Isola Design Festival 2024 si espande in nuove aree: Lampo Milano, WAO PL7 e Galleria Bonelli. Cinque mostre collettive e numerose installazioni ospiti metteranno in evidenza il design circolare, i nuovi materiali e l’artigianato.

Alcova
Alcova sceglie Villa Borsani e Villa Bagatti Valsecchi come sedi per la settima edizione. La prima è un perfetto esempio di architettura modernista progettata da Osvaldo Borsani durante la Seconda guerra mondiale, mentre la seconda è un archetipo di villa lombarda del XVII secolo. Anche quest’anno, Alcova promuove progetti di design sperimentale, performance e conferenze, riattivando i due siti e restituendo un’istantanea del design contemporaneo.

ADI Design Museum presenta ORIGIN of SIMPLICITY. 20 Visions of Japanese Design, una lettura inedita del design giapponese con 150 opere, curata da Rossella Menegazzo, con progetto grafico e allestimento di Kenya Hara; Feeling Good – Caimi, Design per il futuro, una mostra sul riformismo progettuale a cura di Aldo Colonetti, Valentina Fisichella, progetto di allestimento di Matteo Vercelloni, progetto multimediale di Ex Anima; Ottchil Design – OD / KOREA 옷칠디자인, mostra sul design coreano organizzata da DBEW | Design Beyond East and West; L’attimo prima – Edra, mostra di oggetti di Francesco Binfaré, a cura di Silvana Annicchiarico. Il museo ospiterà anche altri eventi, mostre e installazioni, oltre che l’esposizione della collezione permanente del premio Compasso d’Oro.

Porta Venezia Design District presenta EverythinK is design. Il concept si ispira a Paul Rand, la cui visione inclusiva e contemporanea del design ben interpreta l’animo camaleontico, irriverente, cosmopolita del quartiere. Il distretto intende inglobare molteplici ambiti differenti tra loro all’interno del concetto di design, inteso nel senso più ampio di ideazione e progettazione, tramite la coesistenza di codici espressivi e linguaggi differenti. Forte l’attenzione alla giovane creatività che, come il distretto, volge lo sguardo a nuove sperimentazioni sempre protese al futuro.
 
Born in Oasi ZEGNA” sarà il protagonista dell’installazione ospitata presso l’HQ di ZEGNA in via Savona. I visitatori avranno l’opportunità di vivere l’esperienza immersiva di Oasi Zegna e del nuovo libro. Attraverso un percorso che intreccia arte e natura, potranno passeggiare tra la lussureggiante vegetazione della foresta e interagire con le storie e le immagini che animano le pagine del libro.
 
Veuve Clicquot presenta “Emotions of the sun”. La Maison de Champagne celebra la sua Solaire Culture con un’esclusiva mostra fotografica in partnership con Magnum Photos. La mostra, allestita in un elegante spazio progettato dalla scenografa e designer di fama internazionale Constance Guisset, mette in luce gli oltre 250 anni di storia di Veuve Clicquot visti attraverso l’obiettivo contemporaneo di otto fotografi di fama mondiale, che interpretano la Solaire Culture della Maison in 40 scatti che rappresentano un viaggio immersivo intorno al mondo.

EXMACELLO Fuorisalone Festival
Le Cannibale, APE, Piano B, Mare culturale urbano e Fuorisalone.it, tra le più importanti realtà cittadine attive nell’organizzazione di eventi musicali e culturali, uniscono le forze per dare vita ad un festival musicale di una settimana, proponendo una iniziativa in grado di rappresentare le diverse sfumature del panorama musicale cittadino, i suoni e le atmosfere che si incontrano nella Milano del 2024.  

Lascia un commento

×