Novità bagno e rivestimenti da Cersaie 2019

A Bologna si è svolta Cersaie 2019, la manifestazione internazionale più importante per chi si occupa di Architettura e Design delle superfici ceramiche. Abbiamo visitato la fiera e vi mostriamo una selezione di tendenze, prodotti e materiali tratti dalle aziende espositrici.

Target Group “Ritratto”

Tra gli stand più emozionali abbiamo quello di Ceramica Flaminia, azienda di Milano, con l’allestimento “The Rain Forest”: una foresta pluviale, dove si respirano suoni e profumi della giungla, la temperatura sale e i sanitari sono adagiati tra piante rigogliose. Tra i colori l’Argilla, il Blu petrolio, ma anche il Rosso Rubens, ispirato alla palette colori del grande pittore fiammingo, che mostra un’altra caratteristica della ceramica oggi: il dialogo tra abitare contemporaneo e tradizione locale.

Stand Ceramica Flaminia

Cotto D’Este ha presentato Lithos: la matericità della pietra si ibrida con l’estetica dei marmi più rari, il tutto rivisitato dalla creatività dell’azienda per un progetto unico, raffinato, emozionante, che si sviluppa in una varietà di superfici da guardare, toccare, sentire.

Cotto D’Este, Lithos

Forme inedite, dimensioni inusuali e ricerca di nuovi materiali anche per Mosaico+ che presenta quattro collezioni studiate dall’art director Massimo Nadalini e dai designer Marialaura Rossiello per Studio Irvine e Kensaku Oshiro.
Una profonda ricerca e sperimentazione del significato della parola “mosaico” in modo più ampio e contemporaneo. Quello che tradizionalmente viene concepito come “piccolo” si trasforma in pattern, completamente integrato con la fuga in una superficie senza soluzione di continuità. Il mosaico mantiene il suo senso originale di superficie continua ma ne amplia il significato, assumendo forme, dimensioni e materiali diversi (più resistenti e calpestabili) assecondando le necessità di architetti e designer.
Una evoluzione quella di Mosaico+ che trova piena espressione nella collezione Jointed, che va oltre la dimensione della tessera per costruire un nuovo linguaggio, fatto di texture raffinate e superfici personalizzate. Un fil rouge tra passato e presente, tra tradizione e innovazione.

Mosaico +, Collezione Jointed

ll colore, ormai tornato prepotentemente da qualche anno, è presente anche nei sanitari che si vestono dal pastello al nero, giocando con abbinamenti e forme insolite, diventando opachi e piacevoli al tatto, quasi un effetto vellutato in superficie, oppure ultra lucidi.
Il nero quest’anno è il colore prescelto non solo per presentare gran parte delle novità del settore rubinetteria (qui mostriamo il miscelatore FIT di Fima Carlo Frattini e Seven di Nobili) ma anche per i profili e i piatti delle docce.

FIT di Fima Carlo Frattini

Lo stile minimal della serie di cabine doccia senza telaio Iunix di Provex, ad esempio, è evidenziato dall’elegante finitura nero matt per i profili, le cerniere e la maniglia.

Iunix di Provex

Rispondi